Malware pericolosi, consigli su come evitarli

Il primo virus informatico venne sviluppato nel 1986 da due fratelli pakistani, con il passare degli anni e con la continua evoluzione della tecnologia, sono stati creati numerosi malware informatici, con l’intento rubare tutte le informazioni personali degli utenti.

Dopo i fratelli pakistani, nacque il primo ransomware noto come il trojan AIDS sviluppato dal biologo Dr. Joseph L. Popp nel 1989, un malware rilasciato per la prima volta su floppy disk dove bloccava il software criptando i file hard disk in modo da obbligare l’utente a pagare una somma di riscatto per sbloccare il pc.

Per evitare di prendere un malware su qualsiasi dispositivo, vi suggerisco cinque consigli su come difendersi da questi virus:

Effettuare il Backup dei dati

Al giorno d’oggi, è importare effettuare una copia giornaliera dei propri file e documenti importanti su una chiavetta USB, su file cloud o un disco rigido esterno (HDD o SDD) evitando che i cybercriminali possano rubare le credenziali, documenti e file a noi importanti.

Attenzione alle email e messaggi

Evitare di aprire allegati o link provenienti da persone sconosciute che arrivano via email, SMS o da messaggi istantanei. Gli hacker inviano messaggi di testo o immagini che sembrano ufficiali di fornitori, colleghi, banche, ma attenzione prima di aprire un link o un allegato, perché occorre controllare attentamente il mittente del messaggio, esaminare l’ortografia del messaggio, dominio e indirizzo IP e avere installato un buon antivirus completo e avanzato.

Siti web sospetti dove si nasconde un malware

Se vi siete imbattuti su un sito web che probabilmente è sicuro, per prima cosa bisogna:

  • leggere attentamente il messaggio riportato sulla pagina web per controllare se ci sono errori
  • scaricare un antivirus per eseguire la scansione completa
  • cancellare completamente la cronologia del browser da qualsiasi dispositivo

Inoltre, bisogna ricordare che alcuni malware sono sviluppati per nascondersi agli occhi degli antivirus.

Aggiornamenti e patch di sicurezza

È importante aggiornare il proprio dispositivo all’ultima versione, non soltanto per avere novità fondamentali, ma per anche per migliorarne le prestazioni di sicurezza. Prima di procedere ad nuovo aggiornamento, infatti, è possibile salvare i propri dati su un cloud oppure effettuando un backup semplice e rapido sul cellulare.

È consigliabile aggiornare il software all’ultima versione evitando di cadere nelle insidie dei cybercriminali che sfruttano vulnerabilità per entrare in possesso del vostro dispositivo

Un antivirus è essenziale contro i malware

Ad oggi, esistono diversi antivirus sul mercato che permettono di bloccare in maniera permanente un malware sul proprio dispositivo. La maggior parte degli antivirus, richiedono un abbonamento mensile o annuale per ottenere diverse funzionalità aggiuntive e complete per ottenere un servizio più moderno.

Un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.