Conto corrente: come funziona e quali sono i costi per aprirlo

Home » Conto corrente: come funziona e quali sono i costi per aprirlo

Il conto corrente non è altro uno strumento necessario per gestire il proprio denaro in tutta comodità e sicurezza, con la possibilità di organizzare e monitorare in tempo reale qualsiasi entrate e uscite, effettuare alcune operazioni indispensabili e molto altro.

È uno dei prodotti bancari più diffusi, dov’è possibile semplificare la gestione del proprio denaro come ad esempio:

  • creare un salvadanaio in modo da risparmiare sul futuro;
  • eseguire alcune operazioni principali (pagare bollettini, ricaricare il credito telefonico, etc.);
  • utilizzare servizi offerti dalle banche;
  • effettuare pagamenti di operazioni di addebito;
  • inviare e ricevere bonifici;
  • ricaricare una carta prepagata;
  • accreditare lo stipendio e pensione.

Inoltre, è possibile inviare e ricevere denaro utilizzando le coordinate bancarie dell’IBAN del nostro conto corrente in maniera semplice, affidabile e sicura.

IBAN a cosa serve

[torna all’indice]

L’acronimo IBAN sta per International Bank Account Number. È un codice composto da 27 caratteri in maiuscolo senza caratteri speciali e con le due lettere iniziali che identificano la nazione, nel nostro Paese IT (es. ITXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX).

A seguire troviamo i due numeri di controllo (CIN europeo) e subito dopo il codice BBAN italiano (Basic Bank Account Number).

Struttura dell’IBAN

[torna all’indice]

Ricapitolando, il codice IBAN italiano è composto da 27 caratteri alfanumerici:

  • 2 caratteri che identificano la nazione (IT = Italia);
  • 2 caratteri di controllo o CIN Europeo, acronimo di Control Internal Number;
  • 1 carattere con lettera maiuscola, corrispondente al codice CIN nazionale;
  • 5 caratteri che corrisponde all’ABI, l’identificativo dell’istituto bancario (01234);
  • 5 caratteri corrispondenti al CAB, ovvero si riferisce all’agenzia del conto (01234);
  • 12 caratteri corrispondenti al numero di conto corrente (012345678901).

Cosa vuol dire BBAN

[torna all’indice]

Il BBAN sta per Basic Bank Account Number, è l’ultima parte dell’IBAN quando si va ad utilizzarlo per trasferimenti di fondi internazionali. Ogni paese ha il suo BBAN, ha una sua lunghezza ed è diverso a seconda dei propri standard.

È formato da 23 caratteri che permettono di identificarlo univocamente, include il codice CIN, il codice ABI, il codice CAB ed infine il numero di conto corrente.

CINABICABNumero conto corrente
I0123401234012345678901
BBAN Italiano

Codice CIN

[torna all’indice]

Il Codice CIN sta per Control Internal Number, è composto da una sola lettera ed ha funzione di controllo in quanto è creato in base ad una serie di calcoli.

Codice ABI

[torna all’indice]

Il codice ABI sta per Associazione Bancaria Italiana, viene dopo il CIN ed è formato da 5 numeri che rappresentano la banca in cui è destinato il conto.

Codice CAB

[torna all’indice]

Il codice CAB sta per Codice di Avviamento Bancario, è composto da ben 5 cifre che identifica la filiale o l’istituto di credito del nostro conto.

Codice BIC (o SWIFT)

[torna all’indice]

Il BIC sta per Bank Identifier Code, è un codice SWIFT – Worldwide Interbank Financial Telecommunication – che viene utilizzato per i pagamenti internazionali che va a identificare la banca del beneficiario secondo gli standard. È formato da 8 o da 11 caratteri alfanumerici e viene utilizzato insieme al codice IBAN per inviare denaro attraverso bonifico internazionale.

Per inviare o ricevere una somma di denaro tramite bonifico, bisogna:

  • effettuare un bonifico bisogna conoscere il codice IBAN del beneficiario del pagamento;
  • se si deve ricevere o inviare una somma di denaro attraverso un bonifico, bisogna avvisare il proprio IBAN alla persona che invierà il pagamento.

Tipologie conto corrente

[torna all’indice]

Esistono quattro tipologie di conti:

  • ordinario è un conto dove le spese dipendono dal numero di operazioni effettuate;
  • pacchetto hanno un costo specifico e includono una serie di servizi proposti dalla banca;
  • base funzioni limitate per i clienti che non hanno particolari necessità;
  • convenzione i beneficiari dispongono di condizioni economiche agevolate per via di alcune categorie stipulate dall’istituto di credito.

Estratto conto corrente

[torna all’indice]

La banca genera alcuni documenti che riassumono le transazioni effettuate in quel determinato periodo:

  • data;
  • data valuta (da cui parte il calcolo degli interessi);
  • descrizione;
  • ammontare con segno positivo per le entrate e negativo per le uscite.

Costi conto corrente

[torna all’indice]

costi per l’apertura del conto corrente si differenziano a seconda della tipologia di conto scelto e della banca. Infatti, la maggior parte dei conti correnti online includono l’azzeramento di alcune voci, oppure un conto completamente gratuito per un determinato periodo di tempo o dopo aver raggiunto un’età compresa tra i 30 anni. Per la maggior parte dei conti correnti, richiedono anche un canone mensile.

Il conto corrente è possibile aprirlo online accedendo ad alcune offerte proposta dalla banca, oppure in filiale parlando faccia a faccia con il dirigente.

Servizi conto corrente

[torna all’indice]

Una volta aperto un conto corrente, troviamo diversi servizi come:

  • accreditare lo stipendio o la pensione;
  • utilizzo di assegni – bancomat e/o carta di credito;
  • effettuare e ricevere bonifici, anche istantanei;
  • affidamento bancario;
  • domiciliare le utenze;
  • ricevere l’estratto conto delle operazioni;
  • ottenere il calcolo giacenza media;
  • servizi di Internet Banking e Phone Banking;
  • prelievo – versamento bancomat;
  • prelievo – versamento in filiale;
  • operazioni di trading – investimento.

Leave a Reply